Storia

15 settembre 1988 nasce l’Associazione Telefono S.O.S. Infanzia

Il Telefono S.O.S. Infanzia è nato su iniziativa di Federico Mari con lo scopo di:

  • Gestire una linea telefonica per l’ascolto di segnalazioni di maltrattamenti su minori;
  • Formare i turnisti (tutti volontari) che rispondono al telefono, i quali seguono una formazione permanente e continua con serate formative anche all’esterno;
  • Sensibilizzare il maggior numero di persone su questa tematica.

1989
Si crea un gruppo di lavoro che si avvale di specialisti esterni, psicologi, psicoterapeuti, pediatri e giuristi, i quali supportano i programmi d’intervento di sensibilizzazione dei volontari operanti all’interno dell’Associazione.

2015
Con la scomparsa del suo fondatore Federico Mari l’Associazione si riorganizza:

  • Istituisce il premio Federico Mari;
  • Accoglie nuovi progetti mantenendo la struttura iniziale e proseguendo con i volontari attivi di lunga data.

MAGNA CARTA – L’Associazione

Perché è nata l’Associazione Telefono S.O.S. Infanzia

Oggigiorno si sente sempre con maggiore forza l’esigenza di tutelare la dignità e la libertà delle persone, di conseguenza si vedono con altra ottica non solo i diritti dell’adulto, ma anche quelli del bambino e dei minori in genere.
Tuttavia ciò non toglie che i bambini siano oggetto di varie forme di violenza, sia palese sia sotterranea. Luogo in cui queste violenze si esplicano non sono solo la famiglia, altre realtà possono far scaturire episodi di violenza: le strutture sanitarie non adeguate, la scuola e tutti quei luoghi che permettono l’abbandono a sé stesso del bambino.
In Ticino più volte venivano segnalati casi di violenza sui minori, purtroppo non c’era nessun ente specifico che si interessasse al problematica. La nostra Associazione di volontariato è nata quindi per proteggere il bambino da ogni forma di maltrattamento e soprattutto dalla violenza famigliare che è la più difficile da individuale.
Abbiamo pensato che attraverso il telefono sarebbe stato più facile comunicare direttamente con quelle persone che vorrebbero parlare, ma che per eccesso di riservatezza non hanno il coraggio di farlo a viso aperto. Infatti il rapporto diretto spesso crea difficoltà di espressione.
La nostra Associazione è basata sul volontariato e intende operare con serietà e amore in questo ambito. A tale scopo abbiamo lottato strenuamente per ottenere il riconoscimento dell’ufficio attività sociali.

Scopi attuali dell’Associazione

a) Predisporre e gestire per il Canton Ticino e la Mesolcina una linea telefonica per la raccolta di segnalazioni di maltrattamenti dell’infanzia;
b) Promuovere gli opportuni provvedimenti d’aiuto e sostegno all’infanzia maltrattata, segnatamente da parte di strutture pubbliche e private o di singoli;
c) Promuovere momenti formativi, divulgativi e sostegno a progetti meritevoli;
d) Offrire situazioni privilegiate per giovani;
e) Conferire un premio annuale alla memoria del fondatore Federico Mari ad associazioni che si sono distinte nel sostegno all’infanzia.

Etica comportamentale dell’Associazione

L’Associazione:

  • collaborazione univoca di ogni suo membro
  • responsabilità e sincerità nel suo operato
  • validità del suo lavoro
  • vincolo del segreto professionale

Il Volontario

L’impegno del volontario all’interno dell’Associazione è l’appartenenza allo stesso e la comunione degli ideali che sono la ricerca di rimedi per alleviare la sofferenza dei minori maltrattati o emarginati.
Il volontario attraverso la sua sensibilità e le sue capacità individuali si adopererà per realizzare validamente l’operato del gruppo.